Posts Tagged ‘arte contemporanea’

ANNI ’00-Il Decennio Irreale.

29 giugno 2010

Dalla caduta delle torri gemelle al primo presidente nero, da Berlusconi a Ratzinger, dal boom economico della Cina alla crisi internazionale, da Osama allo Tzunami, dalla precarietà del lavoro a quella dei rapporti, dal cellulare a facebook! Figli di una tecnologia violenta, Matrix premoniva oniricamente la non vita attuale. Catene fatte da fibre ottiche, sms come Rimbaud, lettere senza carta e immagini che si consumano su cartelli roteanti. Sono il ragazzo degli anni zero, quelli dell’inizio di un qualcosa senza nome… Nuovo millennio, nuovo secolo iniziato con un decennio che ha ripercorso stili e concetti di una vecchia Storia che deprediamo senz’analizzarla. Sono il ragazzo del decennio irreale quello che non lascia tracce perché consuma e brucia inquinando anima e atmosfere.

Sono l’uomo che non cresce poiché l’illusione di poter parlare mi fa sentir libero dall’impegnarmi. Ho troppi sessi senza più famiglia, sono l’occidente accidentato da assurde ambizioni inculcate da illusioni irraggiungibili.

Sono l’animale umano senza consapevolezza del senso esistenziale, ho fottuto ogni spontaneità per costruire una perfezione che non puzza più di sudore. Sono reduce da anni di confusione, non so che cosa potrò costruire ora che tutto è stato distrutto; vendiamo politiche, persino Dio. Artisti, siam tutti diventati “artisti”, le parole han perso valore inseguendo stili di comunicazione mercificata, figli di progetti macchinosi c’inoltriamo verso un grande cambiamento cercando di concretizzare quella presenza che mancava all’appello. E l’Arte? la fanno ancora gli Artisti?

In esposizione presso gli spazi di FAMIGLIA MARGINI fino al 30 Settembre 2010

Links Utili: FAMIGLIA MARGINI MILANO

TRAFFIC di Stefano Bergamo

26 aprile 2010

Incessante è il “viaggio” nella napoletanità dell’artista leccese Stefano Bergamo che attraverso al sua arte analizza, scruta e semplifica, ma quest’ultimo è un paradosso, una delle problematiche che accomuna grandi, piccole metropoli e paesi: il traffico. Suoni, rumori, clacson impazziti riprodotti attraverso il colore e la genialità di Stefano Bergamo
Le tele ad olio, non quello presente nelle nostre 1100, Bergamo dipinge la freneticità del traffico; ingorghi di proporzioni apocalittiche, auto dai colori sgargianti si scontrano e si fondono in uno spaventoso unicum sintesi della società contemporanea, sembrano incastrate nella tela, addossate l’una alle altre sembrano danzare in un surrele equilibrio,forse, proprio perché parte integrante di questo caos.


Nessuno sembra potersi salvare, tutti siamo incastrati nel traffico nella speranza di muoverci e guadagnare pochi metri.

Traffic sarà in Mostra presso la Banca Sella Sud Arditi Galati di Avellino fino al 1° Maggio 2010

Fonte: Exibart


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: